Tag Archive: diy fashion

Norah Gaughan Cabled Vest

Norah Gaughan Knitted Vest

Norah Gaughan Cabled Vest

Norah Gaughan Cabled Vest
        It’s cold … I’m knitting …         … besides, I’m swamped with work and if it’s ok to knit for half an hour – it’s pretty frustrating to sew (arrrgh).         Very warm, this vest designed by Norah Gaughan and published in Vogue Knitting Fall 2010, features exploded asymmetrical heart cables travelling up the front panels past the shoulders and around the neck.
        It has an hourglass shape emphasised by the back-waist ribbing and an I-cord belt.

Norah Gaughan Cabled VestNorah Gaughan Cabled Vest

        The pattern has a generous ease amount because it’s meant as outerwear so I cast-on a size S (btw Vogue offers finished measurements). It has a difficulty rating of 3 (intermediate) but it’s pretty quick to knit with the super bulky yarn and all, and I did not find the cables very difficult. Maybe the most challenging part about this pattern is closing the shawl collar at the back neck.

Norah Gaughan Cabled VestNorah Gaughan Cabled Vest

        The recommended yarn is Berocco Peruvia Quick difficult to find in Italy so I substituted with Rowan Big Wool which made the whole thing a bit more heavy but also more warm.         RECAP         Pattern: Norah Gaughan Cabled Vest         Fiber: Merino Wool 100% – Rowan Big Wool         Ravelry : http://www.ravelry.com/projects/fruitsflowers/21-cabled-vest

Knitted Cabled Vest
Knitted Cabled Vest

        I’m very pleased with it especially because I can wear it paired with one of my felt fedoras (I must confess I’m a compulsive hat buyer) and I think it’s a look that works. Do you agree?

Knitted Cabled Vest

        I’m curious to know what do you choose to do when you have very little time for crafting: sew, knit, bake …? How do you organise your time?

Thank you for visiting. I would love to hear your opinion.

Gilè a trecce Norah Gaughan

Knitted Cabled Vest
        Fa freddo … sto knittando (scusate il termine ma a dire lavorare la maglia ai ferri s’invecchia) …         Ultimamente sono sommersa da lavoro e se si può knitttare mezz’oretta – cucire lo trovo frustrante (arrrgh).         Questo caldo gilè disegnato da Norah Gaughan e pubblicato in Vogue Knitting Fall 2010 è caratterizzato da trecce a cuore esplose in asimmetrico che decorano i pannelli frontali passano la linea delle spalle e si congiungono dietro il collo.
        Ha una linea a clessidra enfatizzata dalle coste lungo la vita dietro e un cinturino I-cord.

Gilè a trecce Norah GaughanGilè a trecce Norah Gaughan

        Il modello ha una vestibilità ampia essendo inteso come capo esterno perciò ho avviato una S (cmq Vogue stampa anche le dimensioni del capo finito). Nonostante il livello difficoltà 3 (intermedia), il modello si lavora piuttosto velocemente anche perché si utilizza un filato “super bulky”. Non ho trovato le trecce molto difficili… la parte più complicata secondo me è la chiusura dietro del collo a scialle.

Gilè a trecce Norah GaughanGilè a trecce Norah Gaughan

        Il filato consigliato dall’autrice è Berocco Peruvia Quick piuttosto difficile da trovare in Italia perciò l’ho sostituito con Rowan Big Wool (distribuito dalla Coats) che ha reso il capo leggermente più pesante ma anche più caldo.         RECAP
        Modello: Gilè a trecce Norah Gaughan
        Filato: Lana Merino 100% – Rowan Big Wool
        Ravelry: http://www.ravelry.com/projects/fruitsflowers/21-cabled-vest

Gilè a trecce
Gilè a trecce

        Sono molto contenta del risultato specialmente perché riesco ad abbinarlo con uno dei miei cappelli in feltro (devo confessare che ho una passione smodata per i cappelli) è questo penso sia un look che funziona. Non siete d’accordo?

Gilè a trecce

        Sono curiosa di sapere cosa scegliete di fare quando avete poco tempo a disposizione per il “craftting” (altra parola non ortodossa). Cucite, lavorate la maglia, cucinate …? Come vi organizzate il tempo?

Grazie della visita. Mi piacerebbe moltissimo sentire la vostra opinione.

read more

A Camí with an accent!

Cami Dress

A Camí with an accent!

        Finally I got around photographing the Camí Dress I finished and wore the last day of the Abilmente Fair. Had to do it indoors because for the last two weeks we had nothing but rain around here and before I just couldn’t find the time to do it :(.         Hope you like it (despite the photos) cause I love it!

Cami Dress

        The idea was making a fall/winter version so I used a viscose ponte knit. Because of the stretchiness of the fabric I had to grade the pattern down two – three sizes from my base (36). I used a black stretch silk satin for the cuffs, collar and button placket. The button placket is more stable than the back so the back waistline stretched more in length due to the weight of the skirt, compared to the front so the back waistline results lower than the front waistline – maybe I should have compensated for it.

Cami DressCami Dress

        What I found most difficult about sewing this dress was gathering and attaching the skirt even though I reduced the fulness by about 30cm – the ponte it’s quite bulky! On the plus side it totally doesn’t need a zipper.

Cami Dress

        I love the pockets – how come they ended by being too low remains a mystery!!!

Cami DressCami Dress Pauline Alice

        Because black on black did not reflect my spirit at the time I felt I needed to give it a pop and added a “very Valentino” collar. I cut the flowers with the cheapest paper puncher I could find in the fair even if the lady that sold it to me was skeptical about it! I guess the quality and thinness of the leather (italian leather purchased in the Fair from these guys – they only sell leather at fairs and Nicoletta from dinuvoledicuori found their booth , thank you Niko) made it possible to use the paper puncher after all. I then sewed them onto the collar with the sewing machine and black thread.

Leather Collar
Leather Flowers
Leather Flowers

        Two words about the pattern: love it!         RECAP        Pattern: Camí Dress by Pauline Alice Patterns         Fabric: viscose ponte knit, stretch silk satin and lining for the pockets.         Notions: 6 mother of perl buttons, fusible interfacing, leather         Mods: I compensated for the stretch, for my height and forward shoulder, reduced the skirt fulness, eliminated the zipper closure, embellished the collar and oh… fiddled with the length.

Cami Dress

        Quick question: where do you think I should wear this dress?

Thank you for visiting. I would love to hear your opinion.

L’accento su Camí!

        Finalmente sono riuscita a fotografare il vestito Camí che ho finito e indossato l’ultimo giorno della Fiera Abilmente. Alla fine ho dovuto fotografarlo all’interno per via delle piogge incessanti delle ultime due settimane e prima semplicemente non sono riuscita a trovare il tempo :(.         Spero vi piaccia (nonostante le foto) perché io lo adoro!

Cami Dress

        L’idea era di cucire una versione autunno/inverno perciò ho scelto un punto milano in viscosa. A causa dell’elasticità del tessuto ho dovuto ridurre di due – tre taglie rispetto alla mia taglia base (36). Ho usato un raso stretch di seta per i polsini, il colletto ed il cannoncino. Visto che il cannoncino è più stabile della schiena, la linea della vita posteriore si è allungata di più con il peso della gonna e risulta più bassa rispetto alla linea della vita anteriore – forse avrei dovuto pensarci prima e compensare.

Cami DressCami Dress

        La parte più difficile nel confezionare questo vestito è stata decisamente unire la gonna anche se ne ho ridotto l’ampiezza di circa 30cm – il punto milano e piuttosto voluminoso come tessuto. Come punto positivo non ho dovuto montare la chiusura lampo.

Cami Dress

        Adoro le tasche – come mai sono finite così in basso rimane un mistero!!!

Cami DressVestito Cami

        Dato che il nero su nero non rifletteva al momento il mio stato d’animo ho deciso che aveva bisogno di un accento di colore e aggiunto un colletto “very Valentino”. Ho ritagliato i fiorellini con il più economico punch per carta che sono riuscita a trovare in fiera anche se la signora che me l’ha venduto sembrava piuttosto scettica. Suppongo è stato possibile per via della qualità e della finezza della pelle – comprata sempre in fiera dallo stand di questi ragazzi purtroppo vendono pelle solo nelle fiere. Devo ringraziare Nicoletta del blog dinuvoledicuori che ha trovato lo stand – grazie Niko :)! Ho cucito i fiorellini usando la macchina da cucire e filo nero.

Vestito Cami
Vestito Cami

        Due parole sul cartamodello: lo adoro!         RECAP        C.M.: Vestito Camí di Pauline Alice Patterns.         Tessuto: punto milano di viscosa, raso stretch di seta, tessuto da fodera per le tasche.         Merceria: 6 bottoni di madre perla, fliselina, pelle.         Mod: ho compensato per l’elasticità del tessuto, per la mia altezza e per le spalle avanti. Ho ridotto l’ampiezza della gonna, eliminato la chiusura lampo, abbellito il colletto e modificato la lunghezza.

Cami Dress

        Domanda veloce: dove pensate che potrei indossare questo vestito?

Grazie della visita. Mi piacerebbe moltissimo sentire la vostra opinione.

read more

Jacques Pants – RDC

République du Chiffon pants

République du Chiffon – Jacques Pants

        These are my first me made slacks. The pattern – Jacques by République du Chiffon – is actually rated 4/4, and so this must be the most complex piece of apparel I’ve ever made. Yet it did not fell like it was.

République du Chiffon pants

        The pattern is beautifully drafted. The booklet (only in french – and my french is high school level) is a bit essential for a beginner like me but the photographic tutorial on their site “Sewing the Jacques Pants from A to Z” is very well made and I had no trouble at all following it even with my limited language skills.         I used a cotton gabardine maybe a little bit too light for the cut of these pants. I do not know, yet, my fabrics well … but hopefully I’ll get there.

République du Chiffon pants

        The main fitting challenge I had to face was correcting for my rather pronounced lumbar hyperlordosis (sway back) that causes a pelvic tilt. In terms of fitting it translates into a shorter front crotch and a longer back crotch and also the higher positioning of the buttocks fullness (mine is even higher cause I’m a runner so I really had to scoop that back crotch). I didn’t adjust for a fuller front thigh because the front pleats took care of the problem (even thou next time I will add like 5mm to the intake – for extra comfort 🙂 ). After fitting everything to the best of my knowledge …. I forgot to move the back darts and the welt pocket… their positioning causes some awkwardness… I feel like hitting myself.

        This is supposed to be actually a test run for my “final” pair, part of the Steven Alan Look I’m making. They were a first for so many things: my first fly front, my first double welt pocket, my first slant pocket …. You can find the “in progress” pictures on Instagram.

Pantalon Jacques
Pantalon Jacques

        RECAP
        Pattern : Pantalon Jacques by République du Chiffon
        Fabric: medium light cotton gabardine and some gingham cotton for the lining of the pockets
        Haberdashery: 3 custom made fabric-covered buttons, fusible interfacing
        Mods: none (aside fitting)

        I really enjoyed making them … and I love them with a pair of heels. The 7/8 cut + the heels combo elongate the figure a lot. Overall I find this pattern to be very flattering on the body.

Thank you for visiting. I would love to hear your opinion.

Pantaloni Jacques – République du Chiffon

        Questo è il primo paio di pantaloni (nel vero senso della parola) fatto da me. Il cartamodello – Jaques della République du Chiffon – è per la verità quotato 4/4 difficoltà perciò questo deve essere il più complesso capo di abbigliamento che io abbia mai realizzato finora. Nonostante ciò non mi è sembrato così.

Pantaloni République du Chiffon

        Il design è molto bello e preciso. Il libretto delle istruzioni che accompagna il cartamodello (disponibile soltanto in francese purtroppo – ed il mio francese non supera livello liceo) è un po troppo essenziale per una principiante come me. Fortunatamente la guida fotografica “Cucire il Pantalone Jacques della A alla Z” disponibile sul loro sito, è fatta molto bene e non ho riscontrato nessuna difficoltà nel seguirla nonostante le mie conoscenze linguistiche limitate.

        Ho usato una gabardina di cotone, forse un po troppo leggera per il taglio di questi pantaloni. Ancora non sono molto ferrata sui tessuti … ma ci arriverò.

Pantaloni République du Chiffon

        Il problema principale per quel che riguarda l’adattamento è stato dover correggere per la mia iperlordosi lombare che causa un’inclinazione della pelvi. In termini pratici la cosa si traduce nel dover modificare le lunghezze del cavallo: accorciare quella davanti e allungare quella dietro. Lo stesso difetto lombare sommato con il fatto che sonno una runner fa si che il punto di massima pienezza dei glutei sia più alto perciò ho dovuto scavare un bel po la linea del cavallo dietro. Non ho dovuto modificato per le cosce piene perché le pieghe davanti hanno eliminato il problema (anche se la prossima volta ci aggiungerò 5mm – più spazio, più comfort). Dopo aver adattato tutto al meglio delle mie capacità … ho dimenticato di spostare le pince dietro e la tasca … mi viene da prendermi a schiaffi da sola.

        Questo paio di pantaloni doveva in realtà essere una prova per quello “finale” parte del mio Look Steven Alan.
Sono stati la prima volta per tante cose: la mia prima patta per pantaloni, la mia prima tasca doppio filetto, la mia prima tasca alla francese…come al solito le immagini “in progress” e dei particolari le trovate su Instagram.

Pantaloni Jacques
Pantaloni Jacques

        RECAP
        C.M. : Pantalone Jacques République du Chiffon
        Tessuto: gabardina di cottone medio leggera e del cotone gingham per la fodera delle tasche
        Merceria: 3 bottoni ricoperti, fliselina
        Mod: nessuna (a parte adattamento )

Jacques République du Chiffon

        Mi sono divertita molto a realizzare questi pantaloni … trovo che vanno benissimo con un bel paio di tacchi. La combinazione tra la lunghezza 7/8 dei pantaloni ed i tacchi slancia molto la figura.

Grazie della visita. Mi piacerebbe moltissimo sentire la vostra opinione.

read more

Jacques Pants – RDC

République du Chiffon pants

République du Chiffon – Jacques Pants

        These are my first me made slacks. The pattern – Jacques by République du Chiffon – is actually rated 4/4, and so this must be the most complex piece of apparel I’ve ever made. Yet it did not fell like it was.

République du Chiffon pants

        The pattern is beautifully drafted. The booklet (only in french – and my french is high school level) is a bit essential for a beginner like me but the photographic tutorial on their site “Sewing the Jacques Pants from A to Z” is very well made and I had no trouble at all following it even with my limited language skills.         I used a cotton gabardine maybe a little bit too light for the cut of these pants. I do not know, yet, my fabrics well … but hopefully I’ll get there.

République du Chiffon pants

        The main fitting challenge I had to face was correcting for my rather pronounced lumbar hyperlordosis (sway back) that causes a pelvic tilt. In terms of fitting it translates into a shorter front crotch and a longer back crotch and also the higher positioning of the buttocks fullness (mine is even higher cause I’m a runner so I really had to scoop that back crotch). I didn’t adjust for a fuller front thigh because the front pleats took care of the problem (even thou next time I will add like 5mm to the intake – for extra comfort 🙂 ). After fitting everything to the best of my knowledge …. I forgot to move the back darts and the welt pocket… their positioning causes some awkwardness… I feel like hitting myself.

        This is supposed to be actually a test run for my “final” pair, part of the Steven Alan Look I’m making. They were a first for so many things: my first fly front, my first double welt pocket, my first slant pocket …. You can find the “in progress” pictures on Instagram.

Pantalon Jacques
Pantalon Jacques

        RECAP
        Pattern : Pantalon Jacques by République du Chiffon
        Fabric: medium light cotton gabardine and some gingham cotton for the lining of the pockets
        Haberdashery: 3 custom made fabric-covered buttons, fusible interfacing
        Mods: none (aside fitting)

        I really enjoyed making them … and I love them with a pair of heels. The 7/8 cut + the heels combo elongate the figure a lot. Overall I find this pattern to be very flattering on the body.

Thank you for visiting. I would love to hear your opinion.

Pantaloni Jacques – République du Chiffon

        Questo è il primo paio di pantaloni (nel vero senso della parola) fatto da me. Il cartamodello – Jaques della République du Chiffon – è per la verità quotato 4/4 difficoltà perciò questo deve essere il più complesso capo di abbigliamento che io abbia mai realizzato finora. Nonostante ciò non mi è sembrato così.

Pantaloni République du Chiffon

        Il design è molto bello e preciso. Il libretto delle istruzioni che accompagna il cartamodello (disponibile soltanto in francese purtroppo – ed il mio francese non supera livello liceo) è un po troppo essenziale per una principiante come me. Fortunatamente la guida fotografica “Cucire il Pantalone Jacques della A alla Z” disponibile sul loro sito, è fatta molto bene e non ho riscontrato nessuna difficoltà nel seguirla nonostante le mie conoscenze linguistiche limitate.

        Ho usato una gabardina di cotone, forse un po troppo leggera per il taglio di questi pantaloni. Ancora non sono molto ferrata sui tessuti … ma ci arriverò.

Pantaloni République du Chiffon

        Il problema principale per quel che riguarda l’adattamento è stato dover correggere per la mia iperlordosi lombare che causa un’inclinazione della pelvi. In termini pratici la cosa si traduce nel dover modificare le lunghezze del cavallo: accorciare quella davanti e allungare quella dietro. Lo stesso difetto lombare sommato con il fatto che sonno una runner fa si che il punto di massima pienezza dei glutei sia più alto perciò ho dovuto scavare un bel po la linea del cavallo dietro. Non ho dovuto modificato per le cosce piene perché le pieghe davanti hanno eliminato il problema (anche se la prossima volta ci aggiungerò 5mm – più spazio, più comfort). Dopo aver adattato tutto al meglio delle mie capacità … ho dimenticato di spostare le pince dietro e la tasca … mi viene da prendermi a schiaffi da sola.

        Questo paio di pantaloni doveva in realtà essere una prova per quello “finale” parte del mio Look Steven Alan.
Sono stati la prima volta per tante cose: la mia prima patta per pantaloni, la mia prima tasca doppio filetto, la mia prima tasca alla francese…come al solito le immagini “in progress” e dei particolari le trovate su Instagram.

Pantaloni Jacques
Pantaloni Jacques

        RECAP
        C.M. : Pantalone Jacques République du Chiffon
        Tessuto: gabardina di cottone medio leggera e del cotone gingham per la fodera delle tasche
        Merceria: 3 bottoni ricoperti, fliselina
        Mod: nessuna (a parte adattamento )

Jacques République du Chiffon

        Mi sono divertita molto a realizzare questi pantaloni … trovo che vanno benissimo con un bel paio di tacchi. La combinazione tra la lunghezza 7/8 dei pantaloni ed i tacchi slancia molto la figura.

Grazie della visita. Mi piacerebbe moltissimo sentire la vostra opinione.

read more

Dungarees!

Turia Dungarees Pauline Alice

Dungarees!

        Are the 90’s back? No they are not but the dungarees seem to be back at least for the last couple of seasons – an updated version anyway. I couldn’t figure out the dungarees trend until I made a pair.

Turia Dungarees Pauline Alice

        I hate tight waistbands, especially the ones that hit my natural waist. I spend lots of time sitting and I am convinced that a tight band around my midsection is bad for my internal organs. Well, dungarees offer complete midsection freedom!

Salopette TuriaSalopette Turia

        The pattern I used is the Turia Dungarees by Pauline Alice Patterns. Love it! It’s simple to make and easy to customise. I had to fit it for my height and my pronounced swayback (had to lower substantially the front crotch). I lowered the waistline and put in a mock waistband thus changed the proportion between the upper body portion and the lower body. I find that, visually, it works better for my figure.         Because I used stretch denim I thought of giving them all those typical jeans features: topstitching, rivets, etc.

Turia DungareesTuria Dungarees

        The front fly is totally fake ;)!         After basting the side seams to try the fit I realised that the stretchiness of the fabric together with the lowered waist was enough to allow me to put them on without the use of a side zipper. I was very happy to do without the zipper because I couldn’t find one with a metal color consistent with the rivets, the buckles and the buttons.         The shape of the back pockets was inspired by some RTW jeans I have and is one of my favourites. Too bad that relying on my fiancees “yeah yeah they’re fine” I ended up placing them a bit too low.

Turia DungareesTuria Dungarees

        My machine refused to work with the jeans thread so I used two spools of cotton all purpose thread.         I distressed the fabric using sandpaper and learned how to do it by taking Angela Wolf’s Sewing Designer Jeans class on Craftsy! Great class … great instructor … highly recommend it! One thing thou … when sanding your jeans fabric put on a face mask or something! After an evening distressing my denim a smurf took up residence inside my nostrils and I don’t know how toxic those fabric dyes are!

Salopette Turia

        RECAP        Pattern: Turia Dungarees http://www.paulinealicepatterns.com/turia-dungarees by Pauline Alice Patterns         Main fabric: Stretch denim: 97% cotton, 3% elastan         Facings fabric: printed cotton lawn         Notions: 4 rivets, 2 overalls buckles, 2 jeans buttons         Mods: lowered the waist, made a mock waistband and added some classic jeans elements.

Salopette Turia

        I love it … It instantly became my “no fuss go to garment”. Pauline Alice did a great job designing this pattern! Speaking of Pauline, I’m pleased to announce that I’ll be accompanying her at the Abilmente Fair in Vicenza. Yay! … More on the subject in a special post this Sunday, together with a giveaway! In the meantime if you are looking for some dungarees inspiration check out this Glamour Magazine post!

Thank you for visiting. I would love to hear your opinion.

Salopette!

        Sono tornati gli anni 90? Fortunatamente no… o almeno non ancora … per il momento solo la salopette sembra essere tornata almeno da due, tre stagioni – una versione aggiornata comunque. Non sono riuscita a capire il perché di questo trend finché non ne ho confezionata una.

Turia Dungarees Pauline Alice

        Odio le cinture strette in vita, specialmente quelle che si posizionano all’altezza della vita naturale. Passo gran parte del mio tempo seduta e sono convinta che avere una cintura che strangola la vita non fa tanto bene agli organi interni. Da questo punto di vista salopette = totale libertà.

Salopette TuriaSalopette Turia

        Il Cartamodello che ho usato è il Turia Dungarees di Pauline Alice Patterns. Lo adoro! E semplice da confezionare e facile da modificare. Ho dovuto adattare per la mia altezza e per la iperlordosi lombare (abbassare parecchio il cavallo anteriore). Ho abbassato anche la vita e aggiunto una falsa cintura cambiando così le proporzioni tra la parte superiore e inferiore. Trovo che da un punto di vista visivo, funzionano meglio per la mia figura.         Dato che ho usato denim elasticizzato ho pensato di aggiungere i dettagli tipici dei jeans: impunture, ribattini, ecc.

Salopette TuriaSalopette Turia

        La patta e totalmente finta 😉 !         Dopo aver imbastito le cuciture ai lati per provare la salopette mi sono resa conto che la combinazione tra il tessuto elasticizzato e la vita bassa rendeva superflue l’uso di una chiusura lampo sul fianco. Non mi è dispiaciuto affatto rinunciare alla lampo non essendo stata in grado di trovare una cerniera con le parti metalliche dallo stesso colore dei bottoni e delle fibbie.         La forma delle tasche dietro è una delle mie preferite. Peccato che fidandomi del “vanno benissssssssimo” del mio fidanzato sono finita col piazzarle un po’ troppo in basso.

Pauline Alice DungareesPauline Alice Dungarees

        La mia macchina si è rifiutata di lavorare con il filo jeans che avevo comprato perciò ho dovuto usare due rocchetti di filo di cottone normale.         Ho “invecchiato” il tessuto usando carta vetrata ed ho imparato come farlo seguendo il corso Sewing Designer Jeans di Angela Wolf su Craftsy. Ottimo corso .. brava l’istruttrice! Un’unica cosa … quando usate la carta vetrata per “invecchiare” il denim usate anche una mascherina. Dopo una serata di lavoro sembrava un puffo avesse preso residenza nelle mie narici e non so quanto non tossiche siano le tinture che vengono usate nella produzione del denim.

Pauline Alice Dungarees

        RECAP        C.M.: Turia Dungarees di Pauline Alice Patterns         Tessuto: Denim elasticizzato: 97% cottone, 3% elastam         Tessuto paramonture: battista stampata di cottone         Merceria: 4 ribattini, 2 fibbie da salopette, 2 bottoni per jeans         Mods: Ho abbassato la vita, ho aggiunto una falsa cintura e aggiunto qualche elemento decorativo preso in prestito dal jeans classico.

Pauline Alice Dungarees

        Mi piace tantissimo … è immediatamente diventata il mio capo preferito da indossare velocemente. Gran bel lavoro da parte di Pauline Alice! Parlando di Pauline sono molto contenta ad annunciare che la accompagnerò alla Fiera Abilmente di Vicenza!!! Troverete più dettagli sul argomento nel articolo dedicato che pubblicherò questa domenica assieme ad un giveaway!         Nel frattempo se cercate inspirazione per la vostra salopette Turia potete leggere questo articolo pubblicato da Glamour Magazine.

Grazie della visita. Mi piacerebbe moltissimo sentire la vostra opinione.

read more

Dungarees!

Turia Dungarees Pauline Alice

Dungarees!

        Are the 90’s back? No they are not but the dungarees seem to be back at least for the last couple of seasons – an updated version anyway. I couldn’t figure out the dungarees trend until I made a pair.

Turia Dungarees Pauline Alice

        I hate tight waistbands, especially the ones that hit my natural waist. I spend lots of time sitting and I am convinced that a tight band around my midsection is bad for my internal organs. Well, dungarees offer complete midsection freedom!

Salopette TuriaSalopette Turia

        The pattern I used is the Turia Dungarees by Pauline Alice Patterns. Love it! It’s simple to make and easy to customise. I had to fit it for my height and my pronounced swayback (had to lower substantially the front crotch). I lowered the waistline and put in a mock waistband thus changed the proportion between the upper body portion and the lower body. I find that, visually, it works better for my figure.         Because I used stretch denim I thought of giving them all those typical jeans features: topstitching, rivets, etc.

Turia DungareesTuria Dungarees

        The front fly is totally fake ;)!         After basting the side seams to try the fit I realised that the stretchiness of the fabric together with the lowered waist was enough to allow me to put them on without the use of a side zipper. I was very happy to do without the zipper because I couldn’t find one with a metal color consistent with the rivets, the buckles and the buttons.         The shape of the back pockets was inspired by some RTW jeans I have and is one of my favourites. Too bad that relying on my fiancees “yeah yeah they’re fine” I ended up placing them a bit too low.

Turia DungareesTuria Dungarees

        My machine refused to work with the jeans thread so I used two spools of cotton all purpose thread.         I distressed the fabric using sandpaper and learned how to do it by taking Angela Wolf’s Sewing Designer Jeans class on Craftsy! Great class … great instructor … highly recommend it! One thing thou … when sanding your jeans fabric put on a face mask or something! After an evening distressing my denim a smurf took up residence inside my nostrils and I don’t know how toxic those fabric dyes are!

Salopette Turia

        RECAP        Pattern: Turia Dungarees http://www.paulinealicepatterns.com/turia-dungarees by Pauline Alice Patterns         Main fabric: Stretch denim: 97% cotton, 3% elastan         Facings fabric: printed cotton lawn         Notions: 4 rivets, 2 overalls buckles, 2 jeans buttons         Mods: lowered the waist, made a mock waistband and added some classic jeans elements.

Salopette Turia

        I love it … It instantly became my “no fuss go to garment”. Pauline Alice did a great job designing this pattern! Speaking of Pauline, I’m pleased to announce that I’ll be accompanying her at the Abilmente Fair in Vicenza. Yay! … More on the subject in a special post this Sunday, together with a giveaway! In the meantime if you are looking for some dungarees inspiration check out this Glamour Magazine post!

Thank you for visiting. I would love to hear your opinion.

Salopette!

        Sono tornati gli anni 90? Fortunatamente no… o almeno non ancora … per il momento solo la salopette sembra essere tornata almeno da due, tre stagioni – una versione aggiornata comunque. Non sono riuscita a capire il perché di questo trend finché non ne ho confezionata una.

Turia Dungarees Pauline Alice

        Odio le cinture strette in vita, specialmente quelle che si posizionano all’altezza della vita naturale. Passo gran parte del mio tempo seduta e sono convinta che avere una cintura che strangola la vita non fa tanto bene agli organi interni. Da questo punto di vista salopette = totale libertà.

Salopette TuriaSalopette Turia

        Il Cartamodello che ho usato è il Turia Dungarees di Pauline Alice Patterns. Lo adoro! E semplice da confezionare e facile da modificare. Ho dovuto adattare per la mia altezza e per la iperlordosi lombare (abbassare parecchio il cavallo anteriore). Ho abbassato anche la vita e aggiunto una falsa cintura cambiando così le proporzioni tra la parte superiore e inferiore. Trovo che da un punto di vista visivo, funzionano meglio per la mia figura.         Dato che ho usato denim elasticizzato ho pensato di aggiungere i dettagli tipici dei jeans: impunture, ribattini, ecc.

Salopette TuriaSalopette Turia

        La patta e totalmente finta 😉 !         Dopo aver imbastito le cuciture ai lati per provare la salopette mi sono resa conto che la combinazione tra il tessuto elasticizzato e la vita bassa rendeva superflue l’uso di una chiusura lampo sul fianco. Non mi è dispiaciuto affatto rinunciare alla lampo non essendo stata in grado di trovare una cerniera con le parti metalliche dallo stesso colore dei bottoni e delle fibbie.         La forma delle tasche dietro è una delle mie preferite. Peccato che fidandomi del “vanno benissssssssimo” del mio fidanzato sono finita col piazzarle un po’ troppo in basso.

Pauline Alice DungareesPauline Alice Dungarees

        La mia macchina si è rifiutata di lavorare con il filo jeans che avevo comprato perciò ho dovuto usare due rocchetti di filo di cottone normale.         Ho “invecchiato” il tessuto usando carta vetrata ed ho imparato come farlo seguendo il corso Sewing Designer Jeans di Angela Wolf su Craftsy. Ottimo corso .. brava l’istruttrice! Un’unica cosa … quando usate la carta vetrata per “invecchiare” il denim usate anche una mascherina. Dopo una serata di lavoro sembrava un puffo avesse preso residenza nelle mie narici e non so quanto non tossiche siano le tinture che vengono usate nella produzione del denim.

Pauline Alice Dungarees

        RECAP        C.M.: Turia Dungarees di Pauline Alice Patterns         Tessuto: Denim elasticizzato: 97% cottone, 3% elastam         Tessuto paramonture: battista stampata di cottone         Merceria: 4 ribattini, 2 fibbie da salopette, 2 bottoni per jeans         Mods: Ho abbassato la vita, ho aggiunto una falsa cintura e aggiunto qualche elemento decorativo preso in prestito dal jeans classico.

Pauline Alice Dungarees

        Mi piace tantissimo … è immediatamente diventata il mio capo preferito da indossare velocemente. Gran bel lavoro da parte di Pauline Alice! Parlando di Pauline sono molto contenta ad annunciare che la accompagnerò alla Fiera Abilmente di Vicenza!!! Troverete più dettagli sul argomento nel articolo dedicato che pubblicherò questa domenica assieme ad un giveaway!         Nel frattempo se cercate inspirazione per la vostra salopette Turia potete leggere questo articolo pubblicato da Glamour Magazine.

Grazie della visita. Mi piacerebbe moltissimo sentire la vostra opinione.

read more

Army Jacques

Army Jacques

Pantalon Jacques
        At last the final version of the RDC Jacques pants for my Steven Alan Look.         The fabric I ended up making these in, is a military green, vintage Trabaldo Togna wool gabardine. When I made my first Jacques I thought the gabardine I used was a bit too light to keep well the original drape – as Géraldine intended it. You might think this time I would have chosen a heavier one … nope I went even lighter. I’m trying to experiment with how different fabric qualities affect the drape of a garment and the overall look and feel. This fabric is soft, and has neither the stiffness nor the sharpness of the cotton gabardine I used previously but beautiful hand and an almost silk like feel to the touch.

Pantalon Jacques

        Overall the mods I made were aimed at giving them a menswear military look. Last time because of my terrible french I did not understand that I was supposed to cut a size larger so I cut a 38. This time I cut a 40. Either because of the lighter fabric or because of too much yoga, they were way too roomy and I had to take them in at the sides. I took the pictures without a belt but normally I would wear them with one – they are still pretty loose. With autumn in mind I raised the waistline so I replaced the shaped waistband with a straight one that I gave some shape by steaming.         The zipper I bought was a tad too long and due to sheer laziness I didn’t shortened it, so it ends up almost between my legs and adds an awkward stiffness to the front crotch. I also managed to switch left and right while cutting…

        RECAP        Pattern: République du Chiffon – Pantalon Jacques         Fabric: Light 100% wool gabardine         Notions: Zipper, cotton lining fabric for the pockets, hook and eye.         Mods: Raised the waist line; replaced the button fly with a zipper fly; made two double welt back pockets and added buttons to them; replaced the shaped waistband with a straight one with belt loops and a hook and eye fastening; lowered the hem.

RDC Jacques

        Note on the back pockets: this is the second time I end up placing them too high and too far at the sides. (see the Urban Safari Shorts). It’s because I do not pay enough attention and when placing them… I do not account for the seam-allowances. 🙁 I’m seriously considering putting up a sign on my studio saying REMEMBER YOU HAVE SEAM-ALLOWANCE!

        I’m not so pleased how these turned out or better I’m pleased with the pants, I like wearing them, I hate the pictures. The fabric is beautiful but drapes too much for the style of the pants. They say you are supposed to listen to the fabric, it will tell you what it wants to be made into. Too bad it’s a language I do not understand yet and it’s frustrating. I guess it needs a looser style – a wide leg trouser to look its best.

RDC Jacques

        Overall they are great as a transitional piece. The fabric is light but the wool is warm enough on the skin, really suitable for the more chilly end of summer evenings and first autumn days.         I always found the transitional outfits more complicated and often end up being dressed inappropriately. I’m either too warm or too cold. I guess layering is the key… How do you manage your transitional wardrobe…. any tips?

Thank you for visiting. I would love to hear your opinion.

Army Jacques

RDC Jacques
        Era ora! Ecco la versione finale del pantalone Jacques della RDC per il mio Look Steven Alan.         Tra pensa e ripensa ho scelto una gabardina vintage di lana vergine Trabaldo Togna, verde militare. Il tessuto che ho usato per il primo paio mi era sembrato un po’ troppo leggero per tenere bene il drappeggio originale – così come pensato da Géraldine. Verrebbe spontaneo dedurre che questo giro avrei scelto uno più pesante … invece no … questo tessuto è ancora più leggero. Sto provando a sperimentare come diverse qualità di tessuto incidono sul drappeggio di un capo, sulla vestibilità e sull’aspetto. Questo tessuto è morbido e non ha la rigidità ne la stessa capacità di tenere la piega della gabardina di cottone usata in precedenza. Ha una bellissima mano e sembra quasi setta a toccarlo.

RDC Jacques

        Le modifiche che ho apportato al cartamodello originale erano mirate a dargli un aspetto da capo militare maschile. La volta scorsa per via del mio francese scarso ho ignorato l’indicazione di Geraldine di tagliare una taglia in più ed ho tagliato la mia 38. Questa volta ho tagliato una 40. O per via del tessuto più leggero o per eccesso di yoga il fatto sta che alla fine la 40 si è rivelata troppo larga e ho dovuto riprendere i pantaloni sui fianchi. Li ho fotografati senza cintura ma normalmente per poterli portare devo assolutamente indossarne una … se non voglio sembrare uno di quei ragazzini con le brache a “mezzachiappa”. Con l’autunno in mente li ho alzati in vita e ho rimpiazzato la cintura modellata con una dritta alla quale ho dato forma con il vapore.         La zip che ho comprato era troppo lunga e per pura pigrizia non l’ho accorciata, perciò finisce quasi in mezzo alle gambe aggiungendo una rigidità antiestetica al cavallo davanti. Inoltre sono riuscita ad invertire la parti destra sinistra mentre tagliavo…

        RECAP        C.M.: République du Chiffon – Pantalon Jacques         Tessuto: Gabardina leggera 100% lana vergine         Merceria: Zip, fodera di cottone per le tasche, gancio di chiusura.         Mod: Alzati in vita; patta con zip invece di quella con bottoni; due tasche a doppio battente e chiusura a bottone; cintura dritta con passanti; chiusura con gancio; abbassato l’orlo.

Pantalon Jacques

        Nota sulle tasche dietro: questa è la seconda volta che le sto posizionando troppo in alto e verso i lati (vedi i Pantaloncini Urban Safari). La spiegazione sta nel fatto che ho la testa tra le nuvole e mi dimentico i margini di cucitura. 🙁 .. Sto prendendo seriamente in considerazione di mettere nel mio studio un’insegna con su scritto RICORDATI I MARGINI DI CUCITURA.

        Non sono super contenta di come sono venuti … o meglio … mi piacciono i pantaloni, mi piace portarli… non mi piacciono in foto. Il tessuto è molto bello però drappeggia troppo per questa linea. Dicono che devi ascoltare il tessuto, che ti dirà cosa vuole diventare… purtroppo in una lingua che non capisco ancora molto bene. Suppongo il taglio che meglio metterebbe in risalto questo tessuto sarebbe uno più ampio.

RDC Jacques

        Tutto sommato sono un gran pezzo di transizione. Il tessuto è si leggerò, ma la lana è calda sulla pelle e si adatta meravigliosamente alle sere di fine estate in preludio di autunno.         Ho sempre trovato l’abbigliamento di transizione il più difficile e spesso finisco con l’essere vestita in maniera inadeguata – o ho troppo caldo, o troppo freddo. Presumo che la chiave sia vestirsi a modi “cipolloska”… Voi come gestite il vostro guardaroba di transizione … Qualche idea?

Grazie della visita. Mi piacerebbe moltissimo sentire la vostra opinione.

read more

Burda V-Neckline Dress

Burda V-Neckline Dress

Burda V-Neckline Dress

Burda V-Neckline Dress
        This post should be better entitled “The Tortured Dress”. Let’s start with the fabric. It’s a light Dolce&Gabbana viscose knit with a soft hand and a slight shine. Because when I asked for 2 meters they asked for a kidney in exchange, I had to settle for the 1.5 meters my budget could take. The pattern – Burda V-Neckline Dress 09/2012 #124 calls for 1.70m of fabric so I figured I would make it sleeveless. The instructions are minimal. Because of the construction of the neck and waist bands you have to sew it almost all together to be able to fit it.

Burda V-Neckline Dress

        I used clear elastic on the shoulder seams and the outer edges of the neck and waist bands to stabilise them and get them to lay flat.         By mistake I cut the neckbands (made out of interfaced black viscose knit) on crossgrain and didn’t realised it until they were attached. I had to start all over again. Picking apart serged edges on light knit fabric must be the “dream” of every sewer.         Matching the black bands at the side was a trial and error process and had to be done using hand basting.

        The 40cm side zipper was to stiff for the fabric and interfered with the drape of the skirt so I took it down and put in a 25cm invisible zipper that hits just bellow the waist.         When the bodice and the skirt were pretty much finished I realised that the dress needed the long sleeves. Without them the proportions were all wrong and it looked old somehow. There was no way I could cut the sleeves from the fabric I had left so decided to split the sleeve pattern vertically in three and glue the underarm parts together so I was left with two pattern pieces (the one with the sleeve cap longer and the one with the underarm part shorter) that I could fit on my scraps of fabric. The fabric print helps concealing the seams on the sleeves. When trying to attach the sleeves I discovered that the ease in the sleeve caps was huge and there was no way I could modify them so puffed sleeves it is. Basted the sleeves in place tried it on … terrible fit… took them down … deepened the front armhole curve … by mistake basted them back to front … tried them… perfect fit. I decided not to insist further.

        Pattern: Burda V-Neckline Dress 09/2012 #124         Main Fabric: Light 97% viscose, 3% elastane knit         Contrast Fabric: Viscose knit         Notions: Stretch fusible interfacing, 25cm zipper, clear elastic         Mods: Whatever it took to get this @%&°§ done

V-Neckline Dress

Now that the summer is almost gone I went and sewn myself a summer dress… Luckily it has long sleeves, let’s call it an end of summer dress.

Thank you for visiting. I would love to hear your opinion.

Vestito Burda con Scollo a V

Vestito Burda con Scollo a V
        Questo post dovrebbe essere intitolato “Compromessi ed Errori”. Cominciamo dal tessuto. E’ una maglina leggera in viscosa stampata Dolce&Gabbana con una mano molto morbida. Quando ho chiesto 2 metri mi hanno chiesto in cambio un rene perciò mi sono dovuta accontentare del metro e mezzo consentito dal mio budget. Il Cartamodello – Vestito Burda con Scollo a V 09/2012 #124 richiede 1.70m di tessuto, di conseguenza, per farmi bastare il mio metro e mezzo ho pensato di realizzarlo senza maniche. Le istruzioni sono minime – stile Burda. A causa della costruzione del collo e della vita bisogna confezionarlo quasi tutto per poterlo adattare.

Vestito Burda con Scollo a V

        Per stabilizzare le cuciture delle spalle e lo scollo ho usato del nastro elastico invisibile Framilon da 8 mm – aiuta anche a mantenere piatto e aderente al corpo il bordo dello scollo.         Per sbaglio ho tagliato le fasce del collo (in maglina di viscosa nera stabilizzata con fliselina a maglia) perpendicolari al drittofilo e non mi sono resa conto del errore finche non erano già cucite. Ho dovuto cominciare il tutto da capo. Disfare cuciture fatte con la tagliacuci su maglina leggera dev’essere il “sogno” di ogni sarta.         Far combaciare i bordi neri sui lati è stato un processo del tipo prova-riprova in quale sono stati coinvolti metri interi di imbastitura a mano.

        La chiusura a lampo (sulla laterale) da 40cm era troppo rigida ed interferiva con il drappeggio della gonna quindi l’ho tolta ed ho usato una cerniera invisibile da 25cm che arriva appena sotto la vita.         Quando il corpetto e la gonna erano quasi finite e cucite assieme mi sono resa conto che il vestito aveva bisogno di maniche. Senza maniche (lunghe) le proporzioni erano sbagliate ed il vestito aveva un aria “vecchia”. Non ci fu verso di tagliare le maniche in un unico pezzo con i pochi resti di tessuto a mia disposizione dunque ho deciso di dividere il cartamodello in tre strisce ed incollare due pezzi lungo la cucitura originale. Ho ottenuto in questo modo delle maniche composte da due pezzi che sono riuscita a tagliare dalle strisce di tessuto rimaste. La stampa del tessuto aiuta a nascondere le cuciture delle maniche – una davanti ed una dietro. Quando ho provato a cucire le maniche al corpetto ho scoperto che avrei dovuto misurare prima l’incavo. Il colmo manica includeva troppa lentezza per il mio tessuto. Essendo impossible tagliarle nuovamente mi sono dovuta accontentare di maniche “leggermente a sbuffo”. Ho imbastito le maniche… ho provato il vestito … stavano malissimo… le ho tolte … ho allargato l’incavo davanti … per sbaglio ho imbastito le maniche avanti-dietro … provato … benissimo .. deciso di non insistere sul perché e come.

        C.M: Vestito Burda con Scollo a V 09/2012 #124                 Tessuto: maglina leggera 97% viscosa, 3% elastam         Tessuto a contrasto: maglina viscosa         Merceria: fliselina in maglia, cerniera invisibile da 25cm, elastico invisibile Framilon         Mod: tutto quello che ci è voluto per uscirne a capo di questa …(sfilza di parolacce non riproducibili in scrittura)

Vestito con Scollo a V

        Con l’autunno alle porte mi sono cucita un vestito estivo. Per fortuna ha maniche lunghe… chiamiamolo vestito di fine estate.

Grazie della visita. Mi piacerebbe moltissimo sentire la vostra opinione.

read more

Carme with a touch of…

Carme with a touch of…

        … Victorian Prairie Chic … of course … just a hint though, a smidge …it still has the beating heart of a Carme blouse. Initially I wanted to modify it just a little and then, of course, as per my usual, I got carried away. We already know Pauline Alice’s Carme is a great pattern. Amazing instances of it keep popping up all over the home sewing community. I made a preparatory muslin sometime ago so this post is going to be all about mods and pictures.

        Pattern: Carme Blouse by Pauline Alice Patterns         Main Fabric: White cotton batiste. From the pictures, with the light reflecting and all, you can’t tell but it’s quite light and shear – not organza shear but I still had to wear a skin coloured bra underneath. This has been the lightest fabric I’ve ever worked with, so I had to figure how to adjust thread tension and foot pressure to avoid puckering (especially with the thick silk thread I used on the bib). Better experiment first on cotton battiste than some silk chiffon, I guess.

        Contrast Fabric: Bleached cotton/linen canvas. I wanted something heavier and with a coarser appearance for the neckband and the cuffs. Of course I had the idea around midnight… of course I had no such fabric so I the fabric I used was actually untreated paining canvas I had in my studio. I think it works, visually speaking, it adds a sort of rusticity to the whole thing and actually is really soft on the skin. My original idea was to try and distress it but it was so much hassle attaching the neckband that after having done it, I kinda lost my nerve.         Haberdashery: Coats Epic 140 thread, Coats Seta Reale (silk) thread for the bib, 11 small (8.5 mm) mother of pearl buttons and half of a snap fastener that I dyed using green enamel.

        Mods: Modified the pleating of the bib – I wanted to give it some movement so I made 10mm pleats spaced 10 and 15mm and I used the silk thread to sew the pleats. Made the two parts of the front tower placket the same width – I was afraid the underlap would not otherwise support the weight of the buttons. Added a back yoke to give it more of a shirt appearance. Made a jewell neckline with a neckband instead of the mandarin collar. Made sleeve tower plackets – I don’t know what to call them – half tower, single tower… Basically only the overlap has a tower, the other edge is rolled.

        Fitting: I did a forward shoulder adjustment and lowered the bust dart a bit (some wishful thinking was involved – I should have lowered it more).

        That is pretty much all I did.         The fact is, I like the Carme so much I feel the need “to do things to it”. As I am writing this the idea of getting some silk chiffon in there, keeps buzzing through my brain ;).

Thank you for visiting. I would love to hear your opinion.

Carme con un tocco di…

        … stile prateria vittoriana … ovviamente … giusto un tocco …ha ancora il cuore pulsante di una blusa Carme. All’inizio volevo modificarla giusto un po’ ma ovviamente con quella che sta cominciando ad essere una abitudine la situazione mi è sfuggita di mano. Si sa che il cartamodello della blusa Carme di Pauline Alice è disegnato a regola d’arte, non molto fa ne ho cucito una tela di prova, perciò in questo post parlerò solo delle modifiche.

        C.M.: Blusa Carme di Pauline Alice Patterns         Tessuto: Batista bianca di cottone. Dalle immagini, con il bianco che riflette la luce, non è veramente evidente la sottigliezza e la trasparenza del tessuto – non è minimamente trasparente come l’organza ma ho dovuto comunque mettere un reggi color pelle. Questo è il tessuto più leggero che io abbia mai provato a cucire (fino adesso) perciò ho dovuto imparare come regolare la tensione del filo e la pressione del piedino per evitare di increspare il tessuto (specialmente con il filo di seta più grosso che ho usato per la pettorina). In fin dei conti meglio esercitasi su batista di cottone che su chiffon di seta.

        Tessuto a contrasto: Tela di lino/cottone sbiancata. Volevo qualcosa di più pesante e grezzo (non al tatto ma alla vista – in verità è piuttosto morbido sulla pelle) per il collaretto e per i polsini. Ovviamente l’idea mi è venuta a mezzanotte e non avendo in casa un tessuto simile mi sono guardata attorno, ho visto della tela da pittura non trattata e ho deciso di usarla. Mi sembra che funzioni, aggiunge al tutto una nota di rusticità. L’idea originale prevedeva provare a logorarlo, a invecchiarlo usando carta abrasiva e quant’altro ma dopo tutto il lavoro che ci è voluto per attaccare il collaretto l’ho riconsiderata.         Merceria: Filo Coats Epic 140, filo Coats Seta Reale per la pettorina, 11 bottoni piccoli (8.5 mm) in madre perla e mezzo automatico che ho tinto con smalto verde.

        Mod: Ho modificato le pieghe della pettorina – ho voluto dargli più “movimento” e ho usato il filo di setta per cucire le pieghe. Ho fatto le due parti dell’abbottonatura davanti di larghezza uguale – avevo paura che se la parte interna fosse stata più sottile, come prevedeva l’originale, non avrebbe retto il peso dei bottoni. Ho aggiunto un carré dietro per farla sembrare più camicia. Ho rimpiazzato il collo alla coreana con il collaretto che vedete, che non so come si chiama e nemmeno se ha un nome. Ho aggiunto fessini alle maniche – non so neanche questi come si chiamano … mezzi fessini (!?) … visto che la parte sotto è arrotolata.

        Adattamento: Ho fatto una modifica per spalla avanti e abbassato (no abbastanza) la ripresa sul busto.

        Questo è più o meno il tutto.         Il fatto è che il cartamodello Carme mi piace così tanto che sento il bisogno di giocarci ancora. Mentre sto scrivendo mi sta gironzolando per la testa l’idea di metterci dentro del chiffon di seta ;).

Grazie della visita. Mi piacerebbe moltissimo sentire la vostra opinione.

read more

Carme with a touch of…

Carme with a touch of…

        … Victorian Prairie Chic … of course … just a hint though, a smidge …it still has the beating heart of a Carme blouse. Initially I wanted to modify it just a little and then, of course, as per my usual, I got carried away. We already know Pauline Alice’s Carme is a great pattern. Amazing instances of it keep popping up all over the home sewing community. I made a preparatory muslin sometime ago so this post is going to be all about mods and pictures.

        Pattern: Carme Blouse by Pauline Alice Patterns         Main Fabric: White cotton batiste. From the pictures, with the light reflecting and all, you can’t tell but it’s quite light and shear – not organza shear but I still had to wear a skin coloured bra underneath. This has been the lightest fabric I’ve ever worked with, so I had to figure how to adjust thread tension and foot pressure to avoid puckering (especially with the thick silk thread I used on the bib). Better experiment first on cotton battiste than some silk chiffon, I guess.

        Contrast Fabric: Bleached cotton/linen canvas. I wanted something heavier and with a coarser appearance for the neckband and the cuffs. Of course I had the idea around midnight… of course I had no such fabric so I the fabric I used was actually untreated paining canvas I had in my studio. I think it works, visually speaking, it adds a sort of rusticity to the whole thing and actually is really soft on the skin. My original idea was to try and distress it but it was so much hassle attaching the neckband that after having done it, I kinda lost my nerve.         Haberdashery: Coats Epic 140 thread, Coats Seta Reale (silk) thread for the bib, 11 small (8.5 mm) mother of pearl buttons and half of a snap fastener that I dyed using green enamel.

        Mods: Modified the pleating of the bib – I wanted to give it some movement so I made 10mm pleats spaced 10 and 15mm and I used the silk thread to sew the pleats. Made the two parts of the front tower placket the same width – I was afraid the underlap would not otherwise support the weight of the buttons. Added a back yoke to give it more of a shirt appearance. Made a jewell neckline with a neckband instead of the mandarin collar. Made sleeve tower plackets – I don’t know what to call them – half tower, single tower… Basically only the overlap has a tower, the other edge is rolled.

        Fitting: I did a forward shoulder adjustment and lowered the bust dart a bit (some wishful thinking was involved – I should have lowered it more).

        That is pretty much all I did.         The fact is, I like the Carme so much I feel the need “to do things to it”. As I am writing this the idea of getting some silk chiffon in there, keeps buzzing through my brain ;).

Thank you for visiting. I would love to hear your opinion.

Carme con un tocco di…

        … stile prateria vittoriana … ovviamente … giusto un tocco …ha ancora il cuore pulsante di una blusa Carme. All’inizio volevo modificarla giusto un po’ ma ovviamente con quella che sta cominciando ad essere una abitudine la situazione mi è sfuggita di mano. Si sa che il cartamodello della blusa Carme di Pauline Alice è disegnato a regola d’arte, non molto fa ne ho cucito una tela di prova, perciò in questo post parlerò solo delle modifiche.

        C.M.: Blusa Carme di Pauline Alice Patterns         Tessuto: Batista bianca di cottone. Dalle immagini, con il bianco che riflette la luce, non è veramente evidente la sottigliezza e la trasparenza del tessuto – non è minimamente trasparente come l’organza ma ho dovuto comunque mettere un reggi color pelle. Questo è il tessuto più leggero che io abbia mai provato a cucire (fino adesso) perciò ho dovuto imparare come regolare la tensione del filo e la pressione del piedino per evitare di increspare il tessuto (specialmente con il filo di seta più grosso che ho usato per la pettorina). In fin dei conti meglio esercitasi su batista di cottone che su chiffon di seta.

        Tessuto a contrasto: Tela di lino/cottone sbiancata. Volevo qualcosa di più pesante e grezzo (non al tatto ma alla vista – in verità è piuttosto morbido sulla pelle) per il collaretto e per i polsini. Ovviamente l’idea mi è venuta a mezzanotte e non avendo in casa un tessuto simile mi sono guardata attorno, ho visto della tela da pittura non trattata e ho deciso di usarla. Mi sembra che funzioni, aggiunge al tutto una nota di rusticità. L’idea originale prevedeva provare a logorarlo, a invecchiarlo usando carta abrasiva e quant’altro ma dopo tutto il lavoro che ci è voluto per attaccare il collaretto l’ho riconsiderata.         Merceria: Filo Coats Epic 140, filo Coats Seta Reale per la pettorina, 11 bottoni piccoli (8.5 mm) in madre perla e mezzo automatico che ho tinto con smalto verde.

        Mod: Ho modificato le pieghe della pettorina – ho voluto dargli più “movimento” e ho usato il filo di setta per cucire le pieghe. Ho fatto le due parti dell’abbottonatura davanti di larghezza uguale – avevo paura che se la parte interna fosse stata più sottile, come prevedeva l’originale, non avrebbe retto il peso dei bottoni. Ho aggiunto un carré dietro per farla sembrare più camicia. Ho rimpiazzato il collo alla coreana con il collaretto che vedete, che non so come si chiama e nemmeno se ha un nome. Ho aggiunto fessini alle maniche – non so neanche questi come si chiamano … mezzi fessini (!?) … visto che la parte sotto è arrotolata.

        Adattamento: Ho fatto una modifica per spalla avanti e abbassato (no abbastanza) la ripresa sul busto.

        Questo è più o meno il tutto.         Il fatto è che il cartamodello Carme mi piace così tanto che sento il bisogno di giocarci ancora. Mentre sto scrivendo mi sta gironzolando per la testa l’idea di metterci dentro del chiffon di seta ;).

Grazie della visita. Mi piacerebbe moltissimo sentire la vostra opinione.

read more

Urban Safari Shorts

Safari Shorts

Urban Safari Shorts

        Do you recognise the pattern? It would be really difficult. These were supposed to be Jacques’ little brother. A shorts version of the RDC’s Jacques pants pattern. Why Jacques … well I loved it the first time I made them, got them fitted pretty good so … why not. I figured I could just cut the leg, enlarge it a bit and put a zipper on them. The buttoned fly is very distinct and right now for me having it in two garments would be a bit much.

        I had a tiny piece of chino fabric (part of the small stash I got from my fiancee’s mother) and I imagined … I can do it. I couldn’t. My choices were: make them really short – but I wanted to be able to wear them in public… they had to have some decency. Sacrifice the cuff – which actually gives them some stability and the safari vibe. Get rid of the particular shape of the belt a make a simple one. I chose the simple belt. Belt loops would be nice … was my next thought. Flat felled seams and double lines of topstitching sounded good. Somehow I felt that the jeans like stitching won’t go very well, stylistically speaking, with the front pleats so I absorbed them into the front pockets and had to change their shape to do so. I wanted to learn to make a different kind of welt pocket… so I made two – single welt. Made them slanted and managed somehow to position them badly … they are so high up, they almost touch the belt but let’s pretend it was a design choice.

        The fabric has a very soft hand and quite a give and after almost finishing them I realised that with the changes in the belt and pleats, they sat a little too low on my “waist” so I decided to take them in a little at the sides … having already made the side flat felled seams it was no fun at all. As a result the stitching at the sides is a bit wonky especially over the bulkier parts.         When the time came to make the buttonhole I realised I did not have a suitable button. What I had was one of those metallic hook invisible things (have no idea what they are called and where it came from… sometimes I buy stuff just in case). They are hold in place by a metallic plate placed inside the belt and topstitching that part of the belt was out of the question so I had to do it by hand.

        In conclusion I went and got myself a couple of big coloured seam rippers… The tiny white one that came standard with my sewing machine kept falling, rolling under things, hiding under pieces of fabric and with this particular project I spent almost the same amount of time looking for the seam ripper as actually sewing.         The upside of it all is in the end I managed to make a pair of amazingly comfortable and stylish, why not, shorts. I’m so pleased with them that I decided to enter them to the Shorts-on-the-Line event – if I can actually figure how.

        Since getting the sewing bug …not so long ago… I’ve made: one pair of leggings/pants crossbreed, one pair of leggings/skirt crossbreed, one pair of leggings, one pair of knee pants, one pair of slacks, a pair of shorts (these ones)… I’ve already cut my fabric for my next pair of slacks and trying to draft my custom jeans pattern. And to think I got into sewing because I wanted to make some dresses and not only make but actually wear dresses. I wanted to be more feminine… and now that I’m sewing I’m still making pants… I absolutely have to put a dress on my sewing list!         UPDATE: I won FIRST PRIZE in the Shorts-on-the Line event!!!

Thank you for visiting. I would love to hear your opinion.

Pantaloncini Urban Safari

        Riconoscete il cartamodello? Sarebbe difficile. Questi avrebbero dovuto essere il fratellino più piccolo dei Jacques. Una versione pantaloncini corti del cartamodello Jacques della RDC. Perché Jacques? Mi sono piaciuti così tanto la prima volta che li ho cuciti (li ho adattati benino direi) … e allora perché no. Ho pensato di poter tagliare e allargare la gamba e rimpiazzare i bottoni con una zip. La chiusura con bottoni si distingue molto e almeno per me, in questo momento averla su due paia di pantaloni sarebbe un po’ troppo.

        Avevo un piccolissimo pezzo di tessuto chino (parte del “stash” ricevuto dalla mamma del mio fidanzato) e credevo di potercela fare. Non è stato esattamente così. Le scelte erano: farli veramente corti – ma avrei preferito poterli portare in pubblico, dovevano mantenere una qualche decenza. Rinunciare al risvolto – che li da tenuta e quel stile “safari”. Rinunciare alla forma particolare della cintura e farne una semplice. Ho scelto la cintura semplice. Aggiungerci dei passanti sarebbe carino – è stato il mio seguente pensiero. Le cuciture ribattute e le doppie impunture sembravano interessanti da aggiungere. Visto che le pieghe davanti non mi parevano molto in linea, stilisticamente parlando, con le cuciture tipo jeans ho pensato di includerle nelle tasche cambiandone leggermente la forma. Volevo imparare a fare un altro tipo di tasca a filetto perciò ne ho fatte due a filetto unico. Le ho fatte leggermente inclinate e non so come sono riuscita a posizionarle male. Sono così in alto che quasi toccano la cintura – chiamiamola però scelta stilistica.

        Il tessuto ha una mano molto morbida e dopo aver quasi finito il tutto mi sono accorta che aveva ceduto un po. Aggiunte le modifiche sulla cintura e sulle pieghe il risultato era che i pantaloncini scivolavano un po troppo in basso perciò ho deciso di riprenderli ai lati. Non molto divertente con le cuciture ribattute già fatte. Le nuove sono, a dir poco, ubriache sopratutto nelle parti più spesse.
        Arrivata alla asola mi sono accorta di non avere un bottone adatto. Avevo invece uno di quei ganci invisibili di metallo (non so come si chiamano e non so come mai ce l’avevo – avvolte compro cose giusto in caso). Questi ganci vengono fissati ad una piccola piastra di metallo che si posiziona all’interno della cintura. Non c’è stato verso di fare le impunture a macchina in quella zona … ho dovuto farle a mano.

        In conclusione sono andata a comprare un paio di scucirini grandi e colorati … Quello piccolo bianco in dotazione alla mia machina da cucire continuava a cadere, rotolare sotto cose, nascondersi sotto pezzi di tessuto. Questo progetto ho passato quasi lo stesso tempo a cercare lo scucirino che a cucire effettivamente.         Il lato positivo di tutta questa trafila è che alla fine mi ritrovo con un nuovo paio di pantaloncini incredibilmente confortevoli. Sono così contenta che ho deciso di inscriverli nel evento Shorts-on-a-Line.

        Da quando mi sono presa il morbo del cucito …e non è da tanto tempo… ho cucito: un incrocio leggings/pantaloni, un incrocio leggings/gonna, un paio di leggings, un paio di pantaloncini al ginocchio, un paio di pantaloni, un paio di pantaloncini corti (questi)… ho già tagliato il tessuto per un nuovo paio di pantaloni e sto provando a disegnare un paio di jeans. A pensare che ho iniziato a cucire perché volevo fare qualche vestitino – fare e indossare. Volevo essere più femminile. Invece sto continuando con i pantaloni. Devo assolutamente mettere qualche vestitino sulla mia lista dei progetti!         AGGIORNAMENTO: Ho vinto il PRIMO PREMIO nell’evento Shorts-on-the Line!!!

Grazie della visita. Mi piacerebbe moltissimo sentire la vostra opinione.

read more

Make It Work Michelle!

Burda Michelle

Make It Work Michelle!

        Since seeing Sara’s take on the Burda Michelle Skirt I’ve wanted one… in linen.

        Because I have only 30-40cm strips of linen cut grainwise (the same I used for the Linen Knee Pants and the Linen Top) I had to find a solution to the width problem …to “make it work” – as would Tim Gunn say (…my latest entertainment during sewing being watching Project Runway DVDs).

Burda Skirt

        Another problem I had to face is finding a way to bypass some of the intrinsic characteristics of linen. The linen I use deforms on crossgrain an insane amount and in a skirt with a style not exactly fitted and not exactly loose as this one when you sit it would stretch a lot… I was afraid that when you stand up then would sag creating an unpleasant “baggy wrinkled cloth” effect and I’m into sustainable fashion not homelessness.         It took some pattern slashing and around 6 meters of bias tape of various sizes to solve both my problems (width and structure).

Burda Michelle

        The bias tape (cotton … I couldn’t find a finer one so I had to make do) acts very much like boning giving the whole thing some structure and rigidity.

Burda Michelle
Burda Michelle

        I love the way it moves! My nephew kept trying to make me twirl.

Linen Skirt

        RECAP         Pattern: Burda Michelle #8090         Fabric: raw linen         Haberdashery: cotton bias tape, zipper         Mods: pattern alterations to suit the fabric width, lowered the waist band (in hindsight I should have lowered it less…obviously it stretched during sewing)         Making of on Instagram

Burda Michelle

        Did I manage to “make it work”? I’ll let you be the judge of that!

Thank you for visiting. I would love to hear your opinion.

Make It Work Michelle!

        Da quando ho visto la Gonna Burda Michelle cucita da Sara ne ho voluto una… in lino.

        Dato che ho solo delle strisce da 30-40cm di lino tagliato in altezza (lo stesso lino che ho usato per i Pantaloni e per il Top in Lino) ho dovuto trovare una soluzione …ho dovuto “farla funzionare” . Fallo funzionare! ( in inglese Make it Work )è una delle frasi preferite da Tim Gunn in Project Runway (…ultimamente mi diverto a guardare i DVD di Project Runway mentre sto cucendo).

Gonna Burda

        Un altro problema che ho dovuto affrontare è stato quello di superare alcune delle caratteristiche intrinseche del tessuto. Il lino che sto usando si deforma tantissimo in larghezza perciò in una gonna come questa, non esattamente aderente e non esattamente ampia sui fianchi, quando siedi perde la sua forma e poi diventa improponibile sopratutto da dietro – a me sta a cuore l’idea della moda sostenibile non di sembrare una senza tetto.         Ci sono voluti un paio di tagli sul cartamodello e circa 6 metri di nastro sbieco per risolvere entrambi problemi (larghezza e struttura).

Gonna Burda

        Il nastro sbieco (in cottone … ho cercato uno in un tessuto più fine ma nella mia città è introvabile perciò mi sono dovuta accontentare) si comporta in una maniera molto simile ad una ossatura (penso il termine inglese “boning” si traduca con ossatura … non ho la più pallida idea).

Gonna Burda
Gonna Burda

        Mi piace moltissimo come si muove. Mio nipote insisteva nel farmi girare.

Gonna Lino

        RECAP         C.M.: Burda Michelle #8090         Tessuto: lino grezzo         Merceria: nastro sbieco in cottone, cerniera lampo         Mod: modifiche sul cartamodello per accomodare la larghezza del tessuto, ho abbassato la vita (con il segno di poi forse un po troppo perché ovviamente si è allargata mentre la cucivo).         Making of su Instagram

Gonna Lino

        Sarò riuscita a farla funzionare? Lascio a voi il compito di giudicare!

Grazie della visita. Mi piacerebbe moltissimo sentire la vostra opinione.

read more

A Celebration…

New Look 6674

A Celebration…

        40 years ago Diane von Furstenberg launched her signature dress: the wrap dress. It immediately became a classic. It is a dress for all body types – accentuating a woman’s curves or creating the illusion of curves on a more androgynous figure. It’s a simple silhouette that offers a sense of effortless ease and can make you feel beautiful and comfortable at the same time.         Because I prefer defining myself foremost as a maker I decided to … make one.

Wrap Dress
Wrap Dress

        The DVF signature chain link print jersey being sort of “unavailable” I went for a medium weight abstract/animalier viscose jersey knit and the New Look 6674 pattern.         At first the idea scared me … it takes so little to transform a wannabe fabulous dress into a housedress and not knowing where to begin I enrolled in the Craftsy “Wrap Knit Dress” class. I was a bit disappointed. I found it to be basic and frankly quite boring. There was… is a pattern included with the class but knowing it can take a long time for it to arrive to Italy I bought the New Look pattern as a print-at-home pdf… the whole 120 pages of it! What made me decide on this one was the fulness of the skirt and the collar.

Wrap DressWrap Dress

        In the beginning of the class the Craftsy instructor explains how to reduce the ease proportionally according to the stretch factor of your fabric. My fabric has a stretch factor of 50 that corresponds to a 3% reduction in ease – in my case, for example, it meant a total reduction in ease of around 4cm and I had a pattern with 9cm of ease included, to start with. In my opinion the bodice of the knit wrap dress has to be fitted otherwise … well… it’s a housedress! A knit garment with 5cm ease is not quite fitted. I had to reduce it some more … a lot. Overall I think I took out the entire 9cm ease and then some because my fabric doesn’t have great recovery.

Wrap DressWrap Dress

        The instructions on the pattern are “essential”. I chose view A with the sleeve from view B.. which is a short sleeve that I modified to a 3/4 sleeve with a small slit cuff (I don’t know if that’s actually how they are called…) I like the way it opens, I think it’s a nice detail.         I had to modify the armhole – made it smaller, and the sleeve cap – forward shoulder adjustment. I’m still not 100% happy with how the armhole-sleeve cap fit me … it’s a work in progress.         After pattern manipulations of every other kind, the back neck ended up with being to low and the collar that I shortened by about 2-3cm doesn’t rest nicely on the back of my neck. The next time I’ll have to address the issue.

New Look 6674

        I wanted no topstitching therefore in places I had to improvise and used a lot of understitching especially to force the facings down.

New Look 6674

        Instead of using a button I used 2 “hook and eye” closures. This fabric is quite heavy and could not be supported by only one … it would have stretched, deformed and all in all be messy.         The main thing I do not like about this pattern is the waistline with the darts and the seaming and the waistband/fake sash. I guess it all might be necessary for a woven but with knits I find it totally superfluous. Do you know by any chance a wrap dress pattern designed for knits?

New Look 6674

        I’m very proud of the hems … I used Claire Shaeffer’s “figure eight” hem stitch . It took me 4 hours to do all the hemming but it was worth it.         RECAP        Pattern: New Look 6674 – view A         Fabric: medium weight viscose knit         Notions: fusible interface, clear elastic (for the shoulder seams), 2 “hook and eye” closures         Mods: I adapted the pattern for knit fabric, aded 3/4 sleeves and eliminated all topstitching.         With this the total number of dresses I own raised to a staggering four – all made by me. DVF said “Feel like a woman, wear a dress.” Wearing this dress made me get it … and it’s empowering!

Wrap Dress

Thank you for visiting. I would love to hear your opinion.

A Celebration…

        40 anni fa Diane von Furstenberg lanciò la wrap dress – il vestito incrociato sul davanti ed immediatamente divenne un classico. È un vestito adatto a tutte le corporature – accentuando le forme femminili oppure creando l’illusione delle curve in un fisico più androgino. Ha una silhouette semplice che va a suscitare una sensazione di leggerezza senza sforzo e riesce a farti sentire bella e confortevole nello stesso tempo.         Dato che mi piace definirmi come “maker” ho deciso di … confezionarne uno.

Vestito Incrociato
Vestito Incrociato

        Non avendo al momento sotto mano il jersey con stampa “chain link” caratteristico dei vestiti della von Furstenberg mi sono dovuta accontentare di una maglia di viscosa di medio peso con stampa astratta/animalier ed il cartamodello New Look 6674.         All’inizio l’idea mi spaventava … ci vuole così poco per trasformare un vestito nella vestaglia della nonna. Non sapendo da dove cominciare mi sono iscritta al corso sul vestito incrociato della Craftsy. Sono rimasta un po’ delusa – l’ho trovato un po’ base e francamente un pizzico noioso. C’era … c’é un cartamodello incluso nel corso ma sapendo che ci sarebbe voluto troppo per riceverlo dagli Stati Uniti, ho comprato il cartamodello della New Look, disponibile in PDF da scaricare e stampare a casa … tutte le 120 pagine! L’ho scelto perché mi piaceva l’ampiezza della gonna ed il colletto.

        In una delle prime lezioni del corso su Craftsy, l’insegnante spiega come ridurre la vestibilità proporzionalmente con il stretch factor (fattore di elasticità) del tessuto utilizzato. Il mio tessuto ha un stretch factor di 50 che corrisponde ad una riduzione della vestibilità del 3% – il che per me significava per esempio, circa 4cm sul giro vita ed il mio cartamodello di partenza includeva 9cm di vestibilità. La mia opinione è che il vestito incrociato dovrebbe avere un corpetto attillato altrimenti … embhe … è la vestaglia della nonna. Un indumento di jersey con 5cm vestibilità non è esattamente attillato. Ho dovuto ridurla ancora … parecchio. In tutto penso di aver tolto tutti i 9cm di vestibilità e forse qualcosa in più perché la ripresa del tessuto da me utilizzato non è delle migliori.

        Le istruzioni incluse nel cartamodello sono “essenziali”. Ho tagliato il modello A con la manica del modello B; manica corta che ho modificato in 3/4 ed ho aggiunto un risvolto a spacco – se così si può chiamare. Mi piace il modo in cui si apre – lo trovo un dettaglio carino.         Ho dovuto modificare l’incavo manica (l’ho rimpicciolito) ed il colmo manica (modifica per spalla avanti). Non sono ancora soddisfatta al 100% del modo in cui ho adattato la spalla … è un lavoro in corso.         Dopo tutte queste modifiche il collo dietro è finito con l’essere troppo basso ed il colletto, che ho accorciato di circa 2-3cm non poggia propriamente sul collo. La prossima volta mi sa che dovrò risolvere il problema.

New Look 6674

        Non ho voluto utilizzare delle impunture esterne (topstitching) perciò ho impiegato tante impunture interne (understitching) sopratutto per tenere le paramonture nascoste al loro posto.

New Look 6674

        Invece del bottone di chiusura ho impiegato due ganci. Il tessuto e piuttosto pesante e con un solo punto di appoggio si sarebbe allungato e deformato. La cosa che più non mi piace di questo cartamodello e la vita con le riprese e le cuciture e la cintura/finta fusciacca. Sicuramente hanno un loro perché in un vestito non stretch ma le trovo superflue in uno in maglina. Siete per caso a conoscenza di un cartamodello di vestito incrociato progettato per tessuti stretch?

New Look 6674

Sono molto fiera degli orli … Ho usato il punto per orlo “a otto” della Claire Shaeffer … Ci sono volute 4 ore ma ne è valsa la pena!         RECAP        C.M.: New Look 6674 – modello A         Tessuto: maglina in viscosa di medio peso         Merceria: fliselina, elastico invisibile Framilon (usato per stabilizzare la cucitura delle spalle), 2 chiusure a gancio         Mods: Ho adattato il C.M. per il tessuto stretch, aggiunto maniche 3/4 e eliminato tutte la impunture esterne.         Con questo il numero totale dei vestiti in mio possesso è salito all’impressionante cifra di quattro… e sono stati tutti confezionati da me. Diane von Furstenberg disse “Sentiti una donna, indossa un vestito”. Indossando questo ho capito cosa intendesse.

New Look 6674

Grazie della visita. Mi piacerebbe moltissimo sentire la vostra opinione.

read more