Tag Archive: stretch

First Peek at My New Book!

It’s been a secret for far too long… I’m so excited to finally share with you the title and cover of my new book – Stretch! Make Yourself Comfortable Sewing with Knit Fabrics.

Published by Quadrille, the book will be out in early March 2018 – and y…

read more

A Bottom-up(ish) Pair of Gingers

Ginger Jeans

A Bottom-up(ish) Pair of Gingers

        I’ve made jeans! I’ve made jeans! I’ve made jeans!

Ginger Jeans

        Fabric:         The awful denim I’ve made these in is one of the fabrics part of my #badfabricspledge. Before washing, was thin and quite stiff, without an apparent texture (looked waxed somehow) and dark grey blue in color. Then I washed it. Terrible. Lost all body, sheen and discoloured in long streaks. I had to dye it twice to get an uniform coloration – environmental impact: 1000!

Ginger Jeans

        Pattern&Fitting:         The pattern is the Ginger Jeans pattern by Closet Case Files. It includes two versions a low waist stovepipe leg and a high waist skinny leg. I cut this last one in a size 10. It’s the size that gives the finished garment measurements around the same size as my actual hips and not knowing how stretch my denim really was I wanted to have enough fabric to be able to fit them without unnecessary headaches. I also added 2 cm to the crotch seam allowance. I basted them, put them on, pinned the excess fabric at crotch, inseam and at the sides, then modified the pattern and trimmed away the excess fabric at the edges. Overall I think I downgraded to about a size 4 but I left the lower leg a size 10.

Ginger JeansGinger Jeans

        Mods:         What’s up with the yoke?         Here comes the bottom-up part.         Bottom-up is a line developed by Liu Jo. It’s a “process” consisting in the use of an inverted yoke and a hip dart and it’s supposed to give “better” fit and shaping (especially to those of us not sporting much booty). I do not own a pair of their jeans but the construction scheme is common knowledge so I figured I should try it. My results are not perfect and I need to refine the whole thing – for instance I think I’ll have to raise the center back some more; only did it for 1 cm and it’s not enough. I want the yoke line to be more curve. I Intend to publish sooner rather than later more on the yoke whys and hows but the highlights are: invert the yoke piece left to right, create a hip dart to compensate for the extra side length, fix/redraw/true the waistline whatever works for you. In theory the whole thing is a bit more complex but this is the quick and dirty hack version.         I also lowered the total rise resulting in a mid-rise version.

Ginger Jeans
Ginger Jeans
Ginger Jeans

        Side-by-side comparison with a very popular, average priced RTW brand I will not name pair of jeans. I chose the pair with the most similar fit and feel.

Ginger Jeans
Ginger Jeans
Ginger JeansGinger Jeans

        The Good:         “Me: What do you think?         Him: I think you should keep it…         Me: What?!         Him: The ass… “         I guess the above dialog sums it all up pretty well.         The Bad:         Where do I start?!         The fabric, besides not being a very nice fabric has no stretch recovery that you can speak of. You get out in the morning wearing a pair of skinny jeans and get back in the evening wearing classic jodhpurs. I think this lack of stretch recovery is also the main reason behind the drag lines around the knee and at the back of the leg – will see with the next pair.         The stitching quite frankly sucks. I had the bad idea to use a triple stitch to do the topstitching (although my sewing machine works with common jeans thread just fine) and had to use the walking foot to avoid stretching and shifting. BTW the Bernina walking foot is huge. If you think sewing curved lines with this settings might be at least annoying try to imagine sewing parallel curved lines. With all of my 5 minutes long sewing experience. Yep. Tough. Never again….         The back pockets – waaay too low!         The front closure needs improving. Looks just like the RTW but I am not making RTW. RTW I can buy!!!         Useful stuff Ginger/jeans making related:         The sewalong – an excellent complement to the already excellent instructions; full of tips, tricks and ideas.         Great Gingers of the blogosphere: Ginger Makes, Sew Stylist, Love Lola, Vivat Veritas, So I sewed this and so many others … ask google!         A Craftsy Class: Sewing Designer Jeans with Angela Wolf. Took this one a while ago when I made my Turia Dungarees. I like her construction order and other little things like adding the back pockets after having topstitched the back seam to be able to place them at the same distance from the topstitching line.         A Threads article on basic jeans fitting.

Closet Case Files Ginger Jeans

        Ps. With the help of very sophisticated technology I managed to record Eli(the lab)’s thoughts:         “… are you 100% sure about this? Not to be rude but …. how many pictures of your butt can people take!!! I’m gonna do you a solid and make a guest appearance! Don’t worry … you loving me it’s all the reward I need …”         either that or:         “… YAY! You’re dressed! Let’s go out! I’m ready!!!… hellooooo … I’m heeeeere … I’m doing a darn good heel here… on my own!!! … can you hear me alright?! … are you blind!? … I’m RIGHT here! Let’s go already you self absorbed …”         UPDATE/DISCALIMER         The Buttom-up thing (watch the Liu Jo promo here) does not a bigger derrière make. It redistributes volumes: from a pear (flatter) tush towards an apple shaped one. The fact that it seems to appear bigger in some pictures is due mainly to my fiancee (straight male) being forced behind the camera. He kept zooming on the thing – let’s call it a psycho-optical-illusion 😉 .

Thank you for visiting. I would love to hear your opinion.

Ginger (quasi) Bottom-up Jeans

        Ho cucito jeans! Ho cucito jeans! Ho cucito jeans!

Closet Case Files Ginger Jeans

        Tessuto:         Il denim terribile che ho utilizzato faceva parte del mio impegno #badfabricspledge. Perché dico terribile?! Prima di lavarlo era sottile, abbastanza rigido, di un colore blu grigio scuro e senza una texture apparente – sembrava quasi cerato. Dopo il lavaggio ha perso tutto il corpo, la lucentezza ed è stinto a lunghe righe (nervature). Ho dovuto tingerlo due volte per rendere il colore uniforme. La Coloreria:1 – Ambiente:-1000!

Closet Case Files Ginger Jeans

        Cartamodello e Adattamento:         Il C.M. è il Ginger Jeans di Closet Case Files (in inglese). Include due versioni: una a vita bassa e gamba dritta e una skinny a vita alta. Ho tagliato la taglia 10 di quest’ultima. E’ la taglia che da una circonferenza fianchi del capo finito quasi pari alla misura reale dei miei fianchi. Come sapevo di doverlo adattare e non sapevo quanto elastico fosse il mio denim ho pensato tagliarlo più grande una buona idea. Meglio tenersi larghi! Inoltre ho anche aggiunto 2 cm in più ai margini di cucitura già inclusi nella zona cavallo. Li ho imbastiti, indossati e impuntato l’eccesso di tessuto nella zona cavallo, interno gamba e ai lati. Ho modificato il C.M. e rifilato i bordi dei miei pezzi. In tutto penso di essere scesa fino alla taglia 4 circa ma ho lasciato la gamba (dal ginocchio in giù) misura 10.

Closet Case Files Ginger JeansCloset Case Files Ginger Jeans

        Modifiche:         Cosa succede con la baschina dietro?         Questa è la parte che riguarda il Bottom-up.         Il Bottom-up e un linea sviluppata dalla Liu Jo. E’ un “processo” che consiste nel impiego di una baschina invertita e di una ripresa sul fianco e vuole dare “migliore” vestibilità e forma. Non possiedo un paio dei loro jeans ma lo schema costruttivo è semplice perciò ho pensato: perché non provare! Il risultato non è perfetto e devo lavorarci ancora – per esempio dovrei penso allungare ancora la linea del centro dietro, l’ho allungata solo di 1cm e non basta. Vorrei dare più curvatura alla linea della baschina. Scriverò più in la un’articolo più dettagliato sul perché e come ma per il momento posso dirvi che in sostanza ho invertito la baschina destra-sinistra, ho formato una ripresa sul fianco per compensare la lunghezza laterale e ho sistemato/ridisegnato la linea vita. In teoria il tutto è più complesso ma questo è un “hack” veloce.         Ho anche abbassato un po’ la vita.

Closet Case Files Ginger Jeans
Closet Case Files Ginger Jeans
Closet Case Files Ginger Jeans

        Comparazione fianco a fianco con un paio di jeans RTW di una nota marca che non nominerò. Ho scelto il paio che meglio si assomigliava dal punto di vista della vestibilità e del aspetto.

Sewing Jeans
Sewing Jeans
Sewing Jeans

        Mi piace:         “Me: Cosa ne pensi?         Lui: Penso dovresti tenerlo …         Me: Cosa?!         Lui: Il culo…”         Penso questo piccolo dialogo riassume abbastanza bene la cosa.         Non mi piace:         Da dove comincio?!         Il tessuto, oltre a essere non molto bello, non ha una buona ripresa elastica, anzi. Esci la mattina indossando un paio di jeans skinny e torni la sera in un paio di pantaloni classici da cavallerizza. Credo che questa mancanza di ripresa elastica sia anche il motivo dietro tutte quelle pieghe attorno al ginocchio e dietro gamba – vedremmo il prossimo paio.         Le cuciture non sono affatto belle. Ho avuto la pessima idea di utilizzare un punto triplo per fare le impunture (anche se la mia macchina non ha nessun problema a cucire con il filo per jeans) e un piedino a doppio trasporto per evitare deformazioni. A proposito: il piedino doppio trasporto della Bernina è enorme. Se pensate che con queste impostazioni cucire linee curve sia fastidioso immaginatevi cucire linee curve parallele! Con i miei 5 minuti di esperienza nel cucito. Dura. Mai più …         Le tasche dietro sono troooopo in basso!         La chiusura davanti ha bisogno di essere sistemata meglio. Lo so che sembra uguale a quella del RTW ma io non sto producendo RTW. L’RTW lo posso comprare!         Altro sull’argomento Ginger/jeans (mi dispiace tutto in inglese – se sapete dove si trova roba in italiano fatemelo sapere per favore 🙂 :         Il sewalong – una eccellente aggiunta alle già eccellenti istruzioni.         Esempi di Ginger nella blogosfera: Ginger Makes, Sew Stylist, Love Lola, Vivat Veritas, So I sewed this e tanti altri ancora … chiedete a google!         Un Corso Craftsy: Cucire Jeans di Designer con Angela Wolf. L’ho guardato un po di tempo fa quando ho cucito la mia Salopette Turia. Mi piace la sua sequenza di costruzione ed altre piccole cose come cucire le tasche dietro dopo aver impuntato la linea centrale dietro, per poterle piazzare a distanza uguale dall’impuntura.         Un articolo su Threads sull’adattamento di base dei jeans.

Sewing Jeans

        Ps. Attraverso tecniche complesse sono riuscita a registrare i pensieri di Eli (il labrador):         “… ma sei proprio sicura? Non vorrei sembrare scortese ma… quante foto del tuo didietro può sopportare la gente!!! Ti do una mano io e faccio un cameo nelle foto! Ahhh no … non ti preoccupare… il tuo amore mi basta come compenso…”         o questo oppure:         “ OOOO che bello! Ti sei vestita! Andiamo fuori! Sono pronto! …. aloooo … sono qui… sto facendo “piede” alla perfezione qui … da solo!!!! … eeeeiiii mi veeeediiii!? …. sei sorda?!… Sono QUI! Smettila di pensare solo a te stessa e andiamo….”

Grazie della visita. Mi piacerebbe moltissimo sentire la vostra opinione.

read more

A Celebration…

New Look 6674

A Celebration…

        40 years ago Diane von Furstenberg launched her signature dress: the wrap dress. It immediately became a classic. It is a dress for all body types – accentuating a woman’s curves or creating the illusion of curves on a more androgynous figure. It’s a simple silhouette that offers a sense of effortless ease and can make you feel beautiful and comfortable at the same time.         Because I prefer defining myself foremost as a maker I decided to … make one.

Wrap Dress
Wrap Dress

        The DVF signature chain link print jersey being sort of “unavailable” I went for a medium weight abstract/animalier viscose jersey knit and the New Look 6674 pattern.         At first the idea scared me … it takes so little to transform a wannabe fabulous dress into a housedress and not knowing where to begin I enrolled in the Craftsy “Wrap Knit Dress” class. I was a bit disappointed. I found it to be basic and frankly quite boring. There was… is a pattern included with the class but knowing it can take a long time for it to arrive to Italy I bought the New Look pattern as a print-at-home pdf… the whole 120 pages of it! What made me decide on this one was the fulness of the skirt and the collar.

Wrap DressWrap Dress

        In the beginning of the class the Craftsy instructor explains how to reduce the ease proportionally according to the stretch factor of your fabric. My fabric has a stretch factor of 50 that corresponds to a 3% reduction in ease – in my case, for example, it meant a total reduction in ease of around 4cm and I had a pattern with 9cm of ease included, to start with. In my opinion the bodice of the knit wrap dress has to be fitted otherwise … well… it’s a housedress! A knit garment with 5cm ease is not quite fitted. I had to reduce it some more … a lot. Overall I think I took out the entire 9cm ease and then some because my fabric doesn’t have great recovery.

Wrap DressWrap Dress

        The instructions on the pattern are “essential”. I chose view A with the sleeve from view B.. which is a short sleeve that I modified to a 3/4 sleeve with a small slit cuff (I don’t know if that’s actually how they are called…) I like the way it opens, I think it’s a nice detail.         I had to modify the armhole – made it smaller, and the sleeve cap – forward shoulder adjustment. I’m still not 100% happy with how the armhole-sleeve cap fit me … it’s a work in progress.         After pattern manipulations of every other kind, the back neck ended up with being to low and the collar that I shortened by about 2-3cm doesn’t rest nicely on the back of my neck. The next time I’ll have to address the issue.

New Look 6674

        I wanted no topstitching therefore in places I had to improvise and used a lot of understitching especially to force the facings down.

New Look 6674

        Instead of using a button I used 2 “hook and eye” closures. This fabric is quite heavy and could not be supported by only one … it would have stretched, deformed and all in all be messy.         The main thing I do not like about this pattern is the waistline with the darts and the seaming and the waistband/fake sash. I guess it all might be necessary for a woven but with knits I find it totally superfluous. Do you know by any chance a wrap dress pattern designed for knits?

New Look 6674

        I’m very proud of the hems … I used Claire Shaeffer’s “figure eight” hem stitch . It took me 4 hours to do all the hemming but it was worth it.         RECAP        Pattern: New Look 6674 – view A         Fabric: medium weight viscose knit         Notions: fusible interface, clear elastic (for the shoulder seams), 2 “hook and eye” closures         Mods: I adapted the pattern for knit fabric, aded 3/4 sleeves and eliminated all topstitching.         With this the total number of dresses I own raised to a staggering four – all made by me. DVF said “Feel like a woman, wear a dress.” Wearing this dress made me get it … and it’s empowering!

Wrap Dress

Thank you for visiting. I would love to hear your opinion.

A Celebration…

        40 anni fa Diane von Furstenberg lanciò la wrap dress – il vestito incrociato sul davanti ed immediatamente divenne un classico. È un vestito adatto a tutte le corporature – accentuando le forme femminili oppure creando l’illusione delle curve in un fisico più androgino. Ha una silhouette semplice che va a suscitare una sensazione di leggerezza senza sforzo e riesce a farti sentire bella e confortevole nello stesso tempo.         Dato che mi piace definirmi come “maker” ho deciso di … confezionarne uno.

Vestito Incrociato
Vestito Incrociato

        Non avendo al momento sotto mano il jersey con stampa “chain link” caratteristico dei vestiti della von Furstenberg mi sono dovuta accontentare di una maglia di viscosa di medio peso con stampa astratta/animalier ed il cartamodello New Look 6674.         All’inizio l’idea mi spaventava … ci vuole così poco per trasformare un vestito nella vestaglia della nonna. Non sapendo da dove cominciare mi sono iscritta al corso sul vestito incrociato della Craftsy. Sono rimasta un po’ delusa – l’ho trovato un po’ base e francamente un pizzico noioso. C’era … c’é un cartamodello incluso nel corso ma sapendo che ci sarebbe voluto troppo per riceverlo dagli Stati Uniti, ho comprato il cartamodello della New Look, disponibile in PDF da scaricare e stampare a casa … tutte le 120 pagine! L’ho scelto perché mi piaceva l’ampiezza della gonna ed il colletto.

        In una delle prime lezioni del corso su Craftsy, l’insegnante spiega come ridurre la vestibilità proporzionalmente con il stretch factor (fattore di elasticità) del tessuto utilizzato. Il mio tessuto ha un stretch factor di 50 che corrisponde ad una riduzione della vestibilità del 3% – il che per me significava per esempio, circa 4cm sul giro vita ed il mio cartamodello di partenza includeva 9cm di vestibilità. La mia opinione è che il vestito incrociato dovrebbe avere un corpetto attillato altrimenti … embhe … è la vestaglia della nonna. Un indumento di jersey con 5cm vestibilità non è esattamente attillato. Ho dovuto ridurla ancora … parecchio. In tutto penso di aver tolto tutti i 9cm di vestibilità e forse qualcosa in più perché la ripresa del tessuto da me utilizzato non è delle migliori.

        Le istruzioni incluse nel cartamodello sono “essenziali”. Ho tagliato il modello A con la manica del modello B; manica corta che ho modificato in 3/4 ed ho aggiunto un risvolto a spacco – se così si può chiamare. Mi piace il modo in cui si apre – lo trovo un dettaglio carino.         Ho dovuto modificare l’incavo manica (l’ho rimpicciolito) ed il colmo manica (modifica per spalla avanti). Non sono ancora soddisfatta al 100% del modo in cui ho adattato la spalla … è un lavoro in corso.         Dopo tutte queste modifiche il collo dietro è finito con l’essere troppo basso ed il colletto, che ho accorciato di circa 2-3cm non poggia propriamente sul collo. La prossima volta mi sa che dovrò risolvere il problema.

New Look 6674

        Non ho voluto utilizzare delle impunture esterne (topstitching) perciò ho impiegato tante impunture interne (understitching) sopratutto per tenere le paramonture nascoste al loro posto.

New Look 6674

        Invece del bottone di chiusura ho impiegato due ganci. Il tessuto e piuttosto pesante e con un solo punto di appoggio si sarebbe allungato e deformato. La cosa che più non mi piace di questo cartamodello e la vita con le riprese e le cuciture e la cintura/finta fusciacca. Sicuramente hanno un loro perché in un vestito non stretch ma le trovo superflue in uno in maglina. Siete per caso a conoscenza di un cartamodello di vestito incrociato progettato per tessuti stretch?

New Look 6674

Sono molto fiera degli orli … Ho usato il punto per orlo “a otto” della Claire Shaeffer … Ci sono volute 4 ore ma ne è valsa la pena!         RECAP        C.M.: New Look 6674 – modello A         Tessuto: maglina in viscosa di medio peso         Merceria: fliselina, elastico invisibile Framilon (usato per stabilizzare la cucitura delle spalle), 2 chiusure a gancio         Mods: Ho adattato il C.M. per il tessuto stretch, aggiunto maniche 3/4 e eliminato tutte la impunture esterne.         Con questo il numero totale dei vestiti in mio possesso è salito all’impressionante cifra di quattro… e sono stati tutti confezionati da me. Diane von Furstenberg disse “Sentiti una donna, indossa un vestito”. Indossando questo ho capito cosa intendesse.

New Look 6674

Grazie della visita. Mi piacerebbe moltissimo sentire la vostra opinione.

read more